Awesome. scommessa dating vincita online she fit Love

Monday, September 11, 2017 by Aman

La vera magia del Betting Exchange avviene quando “puntiamo” e “banchiamo” contemporaneamente sullo stesso evento. Ma perché si dovrebbe puntare pro e contro un evento? Per un motivo molto semplice: poiché se la quota della puntata è superiore a quella della bancata, questo ci consentirà di guadagnare qualunque sia l’esito dell’evento.

Prendiamo come al solito l’esempio di una partita di calcio e dei possibili tre risultati: vittoria in casa (1), vittoria fuori casa (2) e pareggio (X). Diciamo che punto sulla vittoria in casa 100 euro ad una quota di 1,7, supponendo che siano tutti abbinati. Se il risultato è 1 vinco 70 euro, se è 2 o X perdo 100 euro. Diciamo adesso che “banco” sempre 100 euro, questa volta a una quota di 1,4 e supponiamo che la mia offerta sia accettata e che i miei 100 euro siano tutti abbinati. Per questa seconda scommessa se il risultato è 1 (perde il banco) perdo 40 euro, ma se il risultato è 2 o X vinco 100 euro. Vediamo cosa succede mettendo insieme la “puntata” e la “bancata”: se il risultato è 1 la puntata mi fa vincere 70 euro, mentre la bancata me ne fa perdere 40, quindi in totale avrò comunque vinto 30 euro. Se il risultato è 2 o X, la “puntata” mi fa perdere 100 euro, mentre la “bancata” me ne fa vincere 100, quindi vado in pari, non ho vinto o perso nulla. Visto? Qualunque sia il risultato della partita o vinco 30 euro o, nella peggiore delle ipotesi, non vinco e non perdo nulla. Si può fare di meglio: immaginiamo ancora di puntare sempre 100 euro sul risultato 1 a una quota di 1,7 e di bancare 150 euro sullo stesso risultato a una quota di 1,4, supponendo sempre che sia la puntata che la bancata siano abbinate. Se il risultato è 1 la puntata mi fa vincere 70 euro, mentre la bancata me ne fa perdere 60 (infatti la nostra responsabilità per 150 euro con una quota di 1,4 è appunto 60 euro). In totale avrò comunque vinto 10 euro. Se il risultato è 2 o X la puntata mi fa perdere 100 euro, mentre la bancata me ne fa vincere 150. Qualunque sia l’esito della partita io vinco sempre! Nella peggiore delle ipotesi 10 euro, nella migliore 50 euro, senza rischiare nulla. Ricordiamo che questo può avvenire solo perché la quota a cui ho puntato è superiore a quella a cui ho bancato. Se non è rispettata questa condizione si verificherà esattamente l’opposto, ovvero perderò dei soldi qualunque sia l’esito della partita.

In formule matematiche, se punto la somma ‘Sp’ alla quota ‘p’ e banco la somma ‘Sb’ alla quota ‘b’ su un certo evento, la mia vincita sarà:

  • se si verifica l’evento: Sp*(p-1) – Sb*(b-1)
  • e non si verifica l’evento: Sb – Sp

Quindi, avendo puntato Sp, per vincere sempre qualcosa la somma che banco deve essere maggiore di quella che ho puntato, ma non troppo: può essere al massimo pari a Sp*(p-1)/(b-1).

Tornando al nostro esempio: se ho puntato 100 euro a una quota di 1,7 potrò bancare a una quota di 1,4 una somma compresa tra 100 euro 175 euro (ovvero 100*(1,7-1)/(1,4-1)). Qualunque somma bancata tra 100 e 175 euro mi farà sempre vincere qualche cosa: più vicina è a 100 euro più la mia vincita è alta per il risultato 1 e bassa per 2 o X, più è vicina a 175 euro più la vincita sarà bassa per 1 e alta per 2 o X. Se banco proprio 100 euro avrò una vincita per il risultato 1 e un pareggio per 2 o X, mentre se banco proprio 175 euro avrò un pareggio se il risultato è 1 e una vincita se è 2 o X.  In ogni caso vincerò sempre e senza rischi. In particolare bancando esattamente 121 euro avrò la stessa vincita di 21 euro in ogni caso a meno delle approssimazioni dei decimali (la somma da bancare deve essere uguale a Sp*p/b).

Il ragionamento può anche essere invertito partendo dalla bancata: supponendo di aver bancato 100 euro ad una quota di 1,4, la somma che posso puntare ad una quota di 1,7 può variare da un minimo di 57 euro (pari a Sb*(b-1)/(p-1)) a un massimo di 100 euro. Più è vicina a 57 euro e minore sarà la mia vincita per il risultato 1 e maggiore per 2 o X, più la mia puntata è vicina a 100 euro più la mia vincita sarà cospicua nel caso del risultato 2 o X e ridotta nel caso del risultato 1. Puntando proprio 57 euro o 100 euro avrò o un pareggio o una vincita. Il valore intermedio che mi consente la stessa vincita in ogni caso questa volta è 82 euro (pari a Sb*b/p), che mi farà vincere sempre circa 18 euro (a meno delle approssimazioni dei decimali).

Può sembrare complicato, ma in verità non lo è: la sola regola da ricordare è che la quota a cui ho puntare deve essere superiore a quella a cui bancare. Sarà poi il sistema stesso a dirci, per ogni somma inserita, esattamente quanto vinciamo in ciascuno dei casi. Sarà sufficiente partire dalla stessa cifra per la puntata e la bancata e quindi alzare la bancata (se è questa che abbiamo fatto per seconda) o abbassare la puntata (se è questa che abbiamo fatto per seconda) finché non siamo soddisfatti delle vincite. Ad esempio questa schermata si riferisce alle scommesse su una corsa con i cavalli:

Come si può vedere abbiamo inserito la stessa quota (100, in questo caso sono sterline) sia come puntata che come bancata sul primo cavallo, Happy Hacker. Sulla parte sinistra dello schermo, sotto ciascun cavallo è possibile vedere quanto vinceremo (in verde) o perderemo (in rosso) a seconda del cavallo che vince la corsa. In questo caso, come dovevamo aspettarci, ci sarà una vincita di 20 sterline se Happy Hacker arriva primo, mentre andremo in pari se vince un qualsiasi altro cavallo (Ephesian, Sailing By, Caught In Paradise, Llab Nala o My Sheilas Dream). E questo avviene perché la quota della puntata, 5, è superiore a quella della bancata, 4.8. Variando la somma inserita, il sistema aggiornerà in tempo reale le potenziali vincite e perdite, il che mi consentirà di capire subito quando mi trovo in una situazione di vincita sicura (chiamata all green proprio perché tutti gli importi riportati sotto gli eventi sono verdi, cioè vinco sempre)

Lo scarto che c’è tra la quota della puntata e quella della bancata determina quanto potremo vincere. Maggiore è lo scarto, più alta potrà essere la vincita certa. Minore è lo scarto, minore sarà il range entro cui si può puntare e bancare, e minore sarà la vincita certa. Ad esempio se ho un solo punto percentuale di differenza tra la quota della puntata e quella della bancata, diciamo 1,71 per la puntata e 1,70 per la bancata (questi punti centesimali vengono chiamati tick), avendo puntato 100 euro posso bancare tra 100 e 101,43 euro, con un guadagno certo che va tra 0 e 1,43 euro.

Nota: in questi esempi e in questi conteggi non si è tenuto conto della percentuale che si prende il bookmaker, che, come detto, può variare dal 2% al 5%. La percentuale viene prelevata solo sugli importi vinti, quindi è sufficiente sottrarre il 2-5% alla vincita finale per sapere quale sarà la vincita effettiva. In ogni caso la quota viene conteggiata anche nell’interfaccia del bookmaker, per cui la cifra che viene riportata come vincita corrisponde effettivamente ai soldi che andranno sul nostro conto.

Abbiamo stabilito che la differenza tra la quota della puntata e quella della bancata stabilisce il range entro il quale posso puntare e bancare per avere una vincita certa. Se io punto o banco proprio al limite di questo range avrò una vincita o un pareggio. Ma cosa succede su punto o banco al di fuori di questo range? Vediamolo sempre partendo dal nostro esempio con una puntata di 100 euro ad una quota di 1,7. Supponiamo di avere una quota per bancare a 1,4 e supponiamo sempre che sia la puntata che la bancata siano interamente abbinate. Abbiamo visto che il range a cui posso bancare con una vincita certa va da 100 a 175 euro. Se banco una cifra inferiore avrò una vincita solo se si verifica l’evento della puntata, vincita inferiore a quella che avrei avuto senza aver bancato.  Supponendo di bancare 80 euro, se si verifica l’evento vincerò 70 euro con la puntata e ne perderò 32 per la bancata (la responsabilità per una bancata di 80 euro a quota 1,4 è di 32 euro). Vincita netta: 38 euro. D’altro canto se l’evento non si verifica perderò i 100 euro della puntata e ne vincerò 80 della bancata con una perdita di 20 euro. Quindi in questo caso puntare 100 euro a 1,7 e bancare 80 euro a 1,4 è come puntare 20 euro ad una quota di 2,9.

In formule se indico con S e Q la somma e la quota equivalenti a una puntata Sp a quota p e una bancata Sb a quota b, ottengo:

Puntata equivalente

  • S = Sp – Sb
  • Q = 1+[Sp*(p-1) -Sb*(b-1)]/(Sp – Sb)

In pratica, più mi allontano dal range con una bancata bassa più la puntata sarà predominante e la bancata andrà solo ad abbassare le vincite e le perdite potenziali.  Il fenomeno opposto si verifica bancando una cifra superiore a quella del range della vincita certa. Più la somma bancata è alta, più la bancata andrà a prevalere sulla puntata che avrà solo l’effetto di ridurre vincite e perdite potenziali. Ad esempio puntando 100 euro a una quota di 1,7 e bancando 200 euro a una quota di 1,4 in caso l’evento si verifichi avrò vinto 70 euro dalla puntata e perso 80 dalla bancata con una perdita netta di 10 euro. Se l’evento non si verifica avrò perso 100 euro dalla puntata e vinto 200 euro dalla bancata con una vincita netta di 100 euro. È equivalente ad aver bancato 100 euro ad una quota di 1,1. In formule:

Bancata equivalente

  • S = Sb – Sp
  • Q = 1+[Sb*(b-1) – Sp*(p-1)]/(Sb – Sp)

Il discorso e le formule sono gli stessi partendo dalla bancata e dovendo fare la puntata. Anche in questo caso abbiamo per la puntata un range di vincita certa. Se la puntata è inferiore alla soglia minima del range andrà solo a limitare vincite e perdite della bancata, facendo prevalere quest’ultima (ovvero si avrà una vincita solo se l’evento non si verifica). Se la puntata è superiore alla soglia massima del range, sarà questa a prevalere e la bancata limiterà solo le vincite e le perdite (si avrà una vincita solo se l’evento si verifica). In pratica puntata e bancata devono essere equilibrate tra loro. Se la quota della puntata è superiore a quella della bancata, questo equilibrio consente un’area di sovrapposizione che mi fa vincere in qualunque caso. Tanto più sono distanti tra loro le due quote tanto più quest’area è grande e tanto maggiore sarà la mia vincita certa. Tanto più vicine sono le due quote, tanto più l’area di sovrapposizione sarà piccola, tanto inferiore sarà la mia vincita certa. Se le due quote sono uguali, puntando e bancando una la stessa cifra andrò sempre in paro, qualunque sia l’esito dell’evento.

 

Perchè non diventano tutti ricchi con il Betting Exchange?

Abbiamo visto che è sufficiente avere una quota di puntata superiore a quella di bancata per realizzare una vincita certa. Dal momento che entrambe le quote possono essere impostate a nostro piacimento, perché non diventano tutti ricchi con il Betting Exchange? Il problema nasce con il processo dell’abbinamento. Infatti noi stiamo scommettendo con una comunità di altri utenti, quindi possiamo piazzare una puntata o una bancata con certe quote, ma poi ci deve essere qualcuno (anche più di uno) che le accetta. La nostra vincita certa si potrà concretizzare come l’abbiamo prevista solo se la nostra puntata e la nostra bancata sono abbinate per intero. Se sono abbinate solo parzialmente le nostre previsioni si verificheranno solo parzialmente e quella che doveva essere una vincita certa potrà trasformarsi in un pareggio o in una perdita. Le cose peggiorano tanto più piccole sono le percentuali della nostra puntata e della nostra bancata che vengono abbinate. Ovviamente, qualora o la puntata o la bancata non vengono abbinate affatto, sarà come se avessimo fatto solo una o l’altra, con le relative probabilità di vincere o perdere.

In quest’ottica diventa molto importante il valore della profondità di mercato di cui abbiamo già parlato. Infatti finché noi puntiamo o banchiamo quote e importi che il sistema ci dà come disponibili, la nostra puntata e la nostra bancata saranno immediatamente abbinate e la nostra vincita sarà garantita. Tuttavia non troveremo mai una situazione in cui ho a disposizione una quota per la puntata maggiore della quota per la bancata (e se anche si verificasse sarebbe immediatamente presa da qualcun altro con i riflessi più pronti dei nostri). Non dimentichiamo tuttavia che le quote variano nel tempo. Le quote cambiano sia nei giorni che precedono la partita, sia durante la partita stessa. E sono proprio queste variazioni nel tempo che ci consentiranno di trovare quella combinazione di puntata e bancata vincente.

Anche non volendo seguire le variazioni delle quote, il meccanismo del “punta e banca” offre possibilità di scommessa più variegate rispetto alla sola puntata o alla sola bancata. Se ad esempio gioca la nostra squadra del cuore e decidiamo di scommettere sulla sua vittoria, potremo puntare tramite il Betting Exchange a una buona quota. Volendo possiamo anche piazzare una bancata che ci consente una vincita certa in ogni caso. Se qualcuno accetta la nostra bancata tanto meglio, altrimenti sarà come se avessimo solo puntato sulla nostra squadra e ci godiamo la partita facendo il tifo per lei.

Continua con “Arginare le perdite”

Per iniziare a provare il Betting Exchange clicca qui e registrati su Betfair

http://bettingexchangeitalia.com/3-come-funziona-punta-e-banca/